Mercoledì 30 giugno 2021
Parco Massari
Ingresso 20€ + dp
in apertura VIERI CERVELLI MONTEL

IRA, il nuovo album di IOSONOUNCANE, è uscito il 14 maggio: un’opera monumentale: 17 tracce, 1 ora e 50 di musica.

Mercoledì 30 giugno il festival si apre con la prima tappa di uno dei tour più attesi della stagione: quello di IOSONOUNCANE, che porta sul palco il suo nuovo album Ira. Un’opera monumentale alla quale Jacopo Incani ha lavorato per cinque anni, scrivendo e arrangiando ogni singola parte, nota, accento e delineando la sua figura di compositore e arrangiatore, andando ben oltre quella di cantautore e producer. Il risultato è un meraviglioso paesaggio sonoro, fitto e sconfinato, in cui si intrecciano elettronica, psichedelia, echi del Maghreb e reminiscenze jazz. Ad aprire il concerto Vieri Cervelli Montel, promettente e ispirato musicista di base a Firenze.

PREVENDITE

BIGLIETTI ESAURITI

RECENSIONI & INTERVISTE

‘Ira’ di Iosonouncane non è un disco, è un’impresa

È un album colossale scritto in una «lingua momentanea», un lavoro corale che mette assieme elettronica, jazz, musica del Maghreb e molto altro. «È un disco complesso, quindi politico»

ROLLING STONE

Con il nuovo album Iosonouncane canta la moltitudine

Ira, in uscita il 14 maggio, arriva a sei anni di distanza dal capolavoro Die ed è uno degli album italiani più attesi del 2021.

INTERNAZIONALE

Iosonouncane, il mio canto libero

Copertina di Rumore, maggio 2021

RUMORE

LE FOTO DEL CONCERTO

SPOTIFY

VIDEO